I droni del futuro tra realtà virtuale e aumentata

0
105
I droni del futuro tra realtà virtuale e aumentata

Il settore dei droni si sta evolvendo a tempo di record, grazie allo sviluppo informatico in un connubio sempre più stretto.

Lo sviluppo tecnologico dei droni e la loro diffusione a livello di oggetto di consumo, ha portato verso una commistione di generi tra il mondo ludico e quello degli APR.
A maggio di quest’anno, la Dji ha presentato un’app destinata a rivoluzionare il mondo dei APR. Parliamo di DronePrix AR. La sua particolarità sta nell’introduzione della realtà aumentata sui droni Dji consumer.

DronePrix AR: il nuovo mondo dei droni

Per utilizzare il DronePrix AR basta installarlo al posto di DJI GO, sullo smartphone o sul tablet. A quel punto saranno visualizzate in live streaming le immagini riprese dalla telecamera del drone con però sovraimpresso il gioco in realtà aumentata. Detto in altri termini l’utente vedrà ciò che la telecamera riprende in volo, “ridisegnato” con scenari virtuali. In questo modo si potrà immaginare di competere su veri e propri circuiti, stabilire record di velocità o gareggiare con altri utenti. Esistono, infatti, varie modalità di gioco che comprendono sia competizioni singole che multiplayer.

L’app è inoltre dotata di un assistente di volo virtuale che consiglierà il pilota durante il suo percorso e di una funzione social che permetterà di connettersi a Facebook e condividere i propri percorsi e record.

Il primo circuito proposto per chi scarica DronePrix AR è la replica del vero percorso indoor presente alla DJI Arena in Corea del Sud. Per sbloccare agli altri, occorrerà raggiungere dei punti bonus. L’app contiene, inoltre più di 30 corsi per diventare piloti di droni professionisti. Il legame tra droni e realtà virtuale è sempre più stretto, anche nel nostro Paese, come dimostrato anche nel corso del 5G Day tenutosi a Torino nel marzo di quest’anno.

Droni tra 5G e visori virtuali

La TIM, durante il 5G Day ha fatto il punto sulla situazione dello sviluppo della rete 5G. La sperimentazione urbana della rete mobile di prossima generazione parte proprio da Torino per raggiungere gli utenti finali indicativamente nella seconda metà del 2019 o inizio 2020. Tra le possibili applicazioni del 5G, c’è anche quella inerente i droni. Grazie a questa tecnologia si va verso la trasmissione video in tempo reale. Questo semplificherà il lavoro alle centrali di controllo che potranno intervenire direttamente sul mezzo nel caso di problemi.

Un’altra importante novità viene ancora una volta da DJI e riguarda i cosiddetti DJI Goggles. Si tratta di visori con display integrato da 5 pollici e risoluzione Full HD e con un refresh rate da 60 Hz che rende buona la visione all’occhio umano soprattutto per la presenza di un angolo di visione pari a 85 gradi.

Inoltre, permette il collegamento Wi-fi per circa 6 ore. Una volta attivato, l’utente potrà avere una visione quasi in tempo reale di ciò che filma il drone e pilotarlo con il solo movimento della testa grazie alla funzionalità denominata “Head Tracking”. Il nuovo gadget futuristico sarà in vendita nel maggio 2018, ma è chiaro che segna una svolta epocale nello sviluppo degli aerovelivoli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here