DJI Ronin M: Recensione

Recensione del drone DJI Ronin M

Il drone DJI Ronin M è tra i migliori in circolazione per questa fascia di prezzo, presenta una dotazione hardware a dir poco invidiabile seppur non priva di difetti. Come già anticipato permette di produrre scatti magnifici e video di qualità professionale, grazie anche ad una batteria dalle elevate prestazioni che garantisce un’autonomia fino 11 ore di riprese video continue. Come se non bastasse è molto semplice da pilotare e da impostare, pesa pochissimo e quindi è semplice da portare con se, ed è al tempo stesso anche molto solido.

Caratteristiche generali

Con un peso che supera di poco i 2kg, questo drone si posiziona nella fascia di droni mediamente leggeri, un grande passo in avanti rispetto al suo che invece pesava quasi 10kg. Nonostante una simile riduzione di peso, questo drone non rinuncia certo alla qualità dei materiali che sono infatti robusti e molto solidi ed in grado di attutire notevolmente la forza di impatti o danneggiamenti. Tra i materiali utilizzati troviamo ad esempio magnesio, fibra di carbonio e alluminio, una combinazione perfetta che consente di garantire leggerezza, maneggevolezza e solidità. Anche gli alberi motore sono grandi tubi cavi invece che un piccolo albero singolo, che annulla le preoccupazioni riguardo la piegature.

Dati tecnici

Dimensioni 500 x 210 x 420 mm
Peso 2 kg
Temperatura di lavoro 5° F ~ 120° F (-15° C ~ 50° C)
Tipo di connessione Bluetooth 4.0, USB 2.0
Altezza massima 195 mm
Larghezza massima 160mm
Profondità massima 120mm
Autonomia fino a 6h
Compatibilità Sistemi mobile iOS 6.1 o superiore, Android 4.3 o superiore

La Batteria

Altro importate passo avanti per questo drone è la durata della batteria, molto più elevata di quella dei modelli precedenti ed in grado di garantire una delle migliori autonomie in circolazione. La batteria presente nella dotazione standard è una 4S Lipo, una batteria dalle prestazioni elevate che consente una ricarica in circa un’ora, ed una rapida installazione nella lato posteriore della sospensione cardanica. Per quanto riguarda la durata invece, questa è semplicemente incredibile e può raggiungere le 11 ore di ripresa video continuate.

Impostare il drone

Il drone DJI Ronin M è la soluzione ideale anche per chi non ha molta esperienza di volo o con questo tipo di dispositivo, in quanto semplice da assemblare e da calibrare. Sono previsti in quattro diverse modalità di configurazione per regolare il Gimbal nel modo più appropriato alle proprie esigenze ed al tipo di lavoro che si sta per effettuare. Per assemblare il drone non sono necessari attrezzi particolari, anche perché nella confezione sono presenti, tra i tanti componenti, delle apposite chiavi per regolare la tensione delle chiusure a scatto.

Un altro importante aspetto di questo drone è che non richiede una macchina fotografica grande per usarlo, in quanto può essere utilizzato anche con smartphone come il Galaxy S5 o un iPhone 6. Questa caratteristica è un altro dei punti di forza di questo drone e tra le principali innovazioni che lo differenziano dai modelli precedenti.

Controller o App

Come già più volte anticipato nel corso di questa recensione, assemblare e sintonizzare il drone Ronin M è molto semplice, l’unica cosa che bisogna fare è accendere il dispositivo e collegarlo ad un iPhone o smartphone Android tramite l’utilizzo di connettività Bluetooth.

Possiible anche la connessione a computer con sistema operativo Windows o OS X, mentre resta l’opzione più valida l’utilizzo del nuovo controller. Ovviamente questa ultima opzione offre prestazioni migliori rispetto alle prime due, ma spesso viene scartata dagli utenti perché richiede un grado di esperienza maggiore ed un’abilità di volo ben più matura.

Per quanto riguarda invece l’app associata al drone, questa prevede diverse schede per la gestione dei vari aspetti del drone, settaggi di volo, connettività, fotocamera ed altro, ma soprattutto la Gimbal. Grazie a questa scheda, e con la pressione di un solo bottone, l’utente si ritrova nella scheda dei settaggi relativi al motore con la possibilità di effettuare una messa a punto personalizzata in base delle proprie esigenze, stile di guida e condizioni atmosferiche. Presente ovviamente anche un bottone per l’impostazione in automatico delle impostazione, la soluzione ideale per i meno esperti che non devono preoccuparsi in questo modo di aspetti tecnici spesso anche complicati.

Ultima nota relativa alla dotazione di questo drone, molto particolare è la presenza di una porta USB nella parte inferiore del giunto cardanico, utilizzabile per collegare dispositivi come smartphone e tablet, magari per caricarli.

Dimensioni e Peso

Nonostante possa sembrare di grandi dimensione ed ingombrante, questo drone ha dimensioni rifotte rispetto a quelli della stessa categoria, e può essere trasportato in giro senza troppi problemi per avere un’idea generale, è possibile inserirlo in uno zaino delle dimensioni del Lowepro Transit 350 AW senza alcun problema.

Modalità di volo

Questo drone DJI Ronin M può essere utilizzato in tre diverse modalità con la prima di default sotto-tracolla, la seconda over-slung, e la terza a valigetta. La seconda in particolare è molto interessante è consiste nel tenere la telecamera capovolta per elevare la fotocamera a livello degli occhi, mentre l’ultima consiste nel tenere il giunto cardanico da una delle maniglie laterali per poter utilizzare un profilo più sottile.

Conclusioni

Per quanto detto finora e volendo essere quanto più oggettivi possibile nello stilare una descrizione finale al drone DJI Ronin M dobbiamo affermare che questo drone non è esente da difetti ma, nonostante tutto, resta uno dei migliori droni in circolazioni, una scelta certamente indovinata che consente a professionisti ed amatori di soddisfare le proprie esigenze e di mettersi alla prova come pilota e fotografo.

La qualità fotografica è decisamente sopra la media, la manovrabilità è eccellente, e la facilità nel selezionare le impostazioni con la modalità avanzata ed automatica non lascia margine di errore. Infine grazie ad un peso ridotto rispetto ai modelli precedenti e a delle dimensioni minori, è anche facile da portare con se, un fattore non di poco conto che può fare davvero la differenza in settore come quello professionale.