DJI Phantom 4: Recensione

Recensione del DJI Phantom 4

Il drone DJI Phantom 4 è uno dei migliori droni acquistabili ad oggi sul mercato, prevede una telecamera 4K ed una vasta gamma di sensori e funzioni pensate per facilitare la fase di volo e per ridurre le interferenze dovute ad ostacoli come alberi ed edifici. Questo drone è in grado di rilevare ed evitare in modo del tutto automatico gli ostacoli presenti lungo il percorso, ed allo stesso tempo di seguire e mantenere l’obiettivo della fotocamera 4K su un soggetto, una funzione quest’ultima molto comoda che può essere arrivata inoltre con la semplice sezione sul display del soggetto interessato. Innovativo anche il design del Phantom 4, del tutto diverso da quello visto dal suo predecessore il Phantom 3 con una la sospensione cardanica più compatta e resistente, una batteria con maggiore carica che permette fino a 28 minuti di volo consecutivi, ed eliche e motori potenziati.

Introduzione

Ultimo arrivato in casa DJI, il Phantom 4 punta moltissimo sull’office agli utenti un’esperienza di volo migliorata in ogni aspetto, e su una dotazione in termini di hardware e di software per il controllo, di altissimo livello. Questo drone è dotato di un nuovissimo sistema di rilevamento degli ostacoli gestito da una serie di sensori presenti nella parte inferiore della scocca, e di una fotocamera 4k in grado di garantire una resa fotografica eccezionale in qualsiasi condizione atmosferica e di luce.

Grazie al nuovo sensore dell’obiettivo da 12MP F2.8, il DJI Phantom 4 è in grado di registrare video con una risoluzione di 4K UHD a 30fps per video, inoltre grazie all nuova tecnologia di intelligenza e visione artificiale, consente all’utente di tenere sempre la camera centrata sul soggetto selezionato e di ottenne in questo modo una resa certamente più professionale di quanto non avrebbe mai ottenuto con altri modelli di drone della stessa categoria.

Anche l’autonomia ha avuto una importante evoluzione che ha portato il tempo di volo massimo a quota 28 minuti e la distanza massima a 5km.

Dati tecnici

Peso (Batteria inclusa) 1380 gr
Massima velocità in ascesa 6 m/s (circa 18 km/h)
Massima velocità in discesa 4 m/s (circa 14.4 km/h)
Risoluzione 12 MP
Campo di visuale 94°
Focale equivalente 20mm
Grandezza Immagine Massima 4000×3000
Bitrate Video Massimo 60 Mbps

I sensori del Phantom 4

Come più volte accennato nei paragrafi precedenti, il nuovo sistema di sensori montato sul drone Phantom 4 consente al dispositivo di muoversi con maggiore agilità e sopratutto sicurezza in luoghi aperti o in modalità indoor. Grazie alle finromazioni raccolte durante il volo dai sensori infatti, il drone è in grado di rilevare in tempo reale i possibili ostacoli presenti lungo il suo percorso effettuando delle modifiche in altitudine ad esempio o in velocità, per poterli evitarli in modo sicuro e tempestivo.

Ciò che rende possibile il sistema Obstacle Sensing System del Phantom 4, questo è il nome tecnico del sistema si sensori, è la presenza di due sensori ottici rivolti in avanti che eseguono la scansione degli ostacoli ed impostano automaticamente al drone il percorso più veloce per evitarli. Ovviamente non sempre questo sistema può garantire un percorso sicuro per evitare gli ostacoli, ed in caso non ci riuscisse in un tempo utile prevede di far fermare il drone nella sua posizione corrente aspettando nuove istruzioni da parte del pilota.

Un ulteriore estensione di questo sistema si ha con la funzione “Return home”, altra importante funzione introdotta per la sicurezza del pilota e del drone, che consiste nel far tornare il drone in un puto stabilito a priori in caso venisse a mancare la comunicazione tra il dispositivo ed il controller. Questo infatti è un problema molto pesante che nelle versioni iniziali di droni commerciali porta il drone a perdere il controllo su altitudine e direzione, andando a precipitare inevitabilmente in modo tra latro spesso rovinoso.

Grazie a questa funzione se il drone non dovete ricevere informazioni da parte del pilota perché magari uscito fuori dalla portata del controller o per assenza di segnale, si ritroverebbe già in memoria le informazioni necessarie per poter tornare indietro da solo.
La fase di volo non è l’unica a beneficiarie del nuovo kit si sensori montati sul Phantom 4, come la registrazione video anch’essa resa notevolmente migliore dall’introduzione di alcune speciali funzioni.

Grazie all’ActiveTrack ad esempio, questo drone diventa o strumento perfetto per effettuare riprese aeree di soggetti ed oggetti in movimento, una vera e propria rivoluzione in questo senso attivabile tra l’altro tramite la selezione del soggetto sul display. Una volta attivata infatti, questa funzione fissa la telecamera del Phantom 4 a quel punto con il il soggetto posto esattamente nel suo centro e con le varie impostazioni regolate in tempo reale per preservare questa inquadratura.

La fotocamera del Phantom 4

La resa fotografica del nuovo drone Phatmo 4 è decisamente eccellente e consente di catturare scatti o realizzare riprese con una qualità del tutto paragonabile a quella di un professionista, a patto di saperla sfruttare ovviamente. Permette la registrazione di video fino a 4K a 30 fotogrammi al secondo e Full HD 1080p a 120 fotogrammi al secondo, inoltre è equipaggiata con una lente sferica con un campo visivo di 94° in grado di ridurre la distorsione del 36% e l’aberrazione cromatica del 56% rispetto al precedente Phantom 3.

Splendide anche le foto scattate con questa camera, con una risoluzione fino a 12 megapixel ed un obiettivo grandangolare molto più acuto negli angoli rispetto alla precedente versione. Inoltre grazie al nuovo giunto cardanico motorizzato a 3 assi, la stabilità non sarà mai più un problema.

La batteria del Phantom 4

Un importante passo in avanti rispetto ai suoi modelli precedenti, è stato in termini di durata ed efficienza della batteria, con la batteria del Phantom 4 che ha subito un upgrade da 4480mAh a 5350mAh.
Grazie a questo aumento questo drone è in grado di garantire all’utente un’autonomia maggiore del 25% rispetto al Phantom 3, ed una fase di volo totale di 28 minuti. Inoltre, la batteria può essere ricaricata in circa 1 ora e 10 minuti, meno rispetto alla maggioranza dei droni di categoria.

Conclusione

Il drone DJI Phantom 4 è di fatto uno dei migliori droni disponibili sul mercato, un connetto di tecnologia che portato questo nome, in realtà già molto apprezzato con i modelli Phantom 3, ad un livello di apprezzamento ancora maggiore. Il sistema di sensori di nuova concezione rende intuitiva e sicura la navigazione anche ai meno esperti, mentre una telecamera 4k con funzione di stabilizzazione e ActiveTrack consente di ottenere una resa fotografica e dei video con una qualità sorprendente e di tenere sempre fisso l’obiettivo sul soggetto scelto.